lunedì 15 luglio 2019

Crema di piselli con "rice ball"

                             
Ho trovato un attrezzo che si chiama "rice ball" che permette di fare delle palline di riso tutte uguali che potranno rendere più attraente un primo decisamente semplice.

Ingredienti

per cinque persone:
Riso tipo Originario gr 150
zafferano 1 bustina
peperoni e zucchine per decoro
piselli congelati gr 500
cipolla
sale e olio


Preparazione

Cuocere il riso in acqua bollente con lo zafferano.
Ritagliare da un peperone cotto e da una buccia di zucchina sbollentata eventuali decori.
Condire il riso cotto con poco olio e procedere col "rice ball" a formare la palline avendo l'accortezza di mettere il decoro sul fondo.


Queste palline di riso si possono preparare anche ore prima e poi scaldare leggermente in forno.
Cuocere qualche fetta di cipolla in poco olio e poi cuocervi insieme i piselli, aggiungendo acqua e sale.
Frullare i piselli e servire la crema in una fondina con sopra le palline di riso.
Un filo d'olio sulla crema e si può portare in tavola.




lunedì 8 luglio 2019

Quindim


Si pronuncia kindim ed è un dolcetto portoghese.

Ingredienti

cocco in polvere gr 150
acqua 3 cucchiai
lime succo di 2
tuorli 6
zucchero gr 150 
latte condensato gr 400
mandorle in polvere 1 cucchiaio


Preparazione

Mescolare il cocco con acqua e succo di lime. Lasciare riposare per 10 minuti poi aggiungere i tuorli, lo zucchero e le mandorle. Mescolare e aggiungere il latte condensato. Mescolare bene.
Imburrare gli stampini e spolverarli con farina o zucchero e riempirli con l'impasto per poco più di metà.
Cuocere a bagnomaria in forno caldo a 180° per 40 minuti.


lunedì 1 luglio 2019

Anguria e ananas

                                    


Semplicemente delle fette di anguria con degli intarsi di ananas fatti con gli stampini da biscotti.
Servire il tutto ben freddo !!!



lunedì 24 giugno 2019

Pan di Spagna con frutta caramellata

                             

Ingredienti

Per il pan di Spagna
uova intere 200 gr
tuorli 100 gr
zucchero 117 gr
farina di riso 117 gr
fecola di patate 50 gr
olio di semi 30 gr
vaniglia 1 bacca
limone, buccia grattugiata di mezzo

Per la frutta
ananas
ciliegie 
zucchero
Alchemens


Preparazione

Il giorno prima preparare il pan di Spagna. In un pentolino mescolare le uova con i tuorli, aggiungere zucchero, vaniglia (se non si ha l'estratto  aprire un baccello e utilizzare i semini interni)  e mettere sul fuoco mescolando di frequente  fino a portare tutto alla temperatura di 45°.
Togliere dal fuoco e montare a lungo fino a quando non sarà bello gonfio. Aggiungere buccia di limone, l'olio e la fecola e la farina di riso setacciate. Mescolare con delicatezza.
Mettere della carta da forno su una teglia abbastanza larga, imburrarla, spolverare con la farina di riso e versarvi il composto. Infornare a forno caldo a 200° per 20 minuti.
Lasciar raffreddare e con degli stampini ritagliare dei dischi di pan di spagna.

Snocciolare le ciliegie e saltare in padella con un po' di zucchero fino quasi a caramellare.
Tagliare a cubetti l'ananas e saltare in padella con un po' di zucchero.
Bagnare il dischi con l'Archemens e disporre sopra la frutta caramellata.



lunedì 10 giugno 2019

Liquore con noccioli di nespole

                            

E' un liquore che assomiglia un po' all'amaretto di Saronno.



Ingredienti

noccioli di nespole gr 250
alcool gr 500
zucchero gr 150
acqua gr 500


Preparazione

Mettere in infusione in alcool i noccioli per 40 giorni in un barattolo di vetro ben chiuso.
Passati 40 giorni bollire lo zucchero con l'acqua e lasciar raffreddare.
Filtrare l'alcool e buttare via i noccioli. Unire alcool e acqua zuccherata e mescolare bene.
Se risultasse troppo forte di gradazione alcolica aggiungere un po' d'acqua.
Lasciar riposare ancora per 15 giorni.



lunedì 3 giugno 2019

Mandorle caramellate lucide

                                         

Ingredienti

mandorle gr 200
zucchero gr 200
acqua 1 bicchiere


Preparazione

Mettere tutto in una padella larga e cuocere a fuoco medio. Quando lo zucchero si sarà sciolto incominciare a girare in continuazione, spengere il fuoco e continuare a girare fino a quando lo zucchero caramellato non avrà aderito bene alle mandorle.
Mettere le mandorle su un paio di piatti piani, smuoverle in modo che non si attacchino al piatto, e quando saranno meno appiccicose, con una spatola appiattirle il più possibile. Appena si saranno  raffreddate con una forchetta staccarle in modo da avere delle singole mandorle




lunedì 27 maggio 2019

Polpettone estivo



Semplice semplice ... da consumare tiepido e accompagnato da una salsina fatta con un trito di prezzemolo , basilico, origano e capperi e volendo anche un mezzo spicchio di aglio; tutto ben tritato.

Ingredienti
carne di manzo tritata 300 gr
carne di vitello tritata 300 gr
carne di maiale tritata 300 gr
ricotta 300 gr
uova 3
parmigiano grattugiato 50 gr
sale, pepe e noce moscata


Preparazione

Amalgamare tutti gli ingredienti, dare la forma di un polpettone, incartare in carta da forno e cuocere dentro a una pirofila in forno caldo a 180° per un ora e mezzo. Lasciar intiepidire e tagliare a fette. Da servire tiepido.

Per la salsina il prezzemolo deve essere di più rispetto al basilico, i capperi devono essere dissalati per almeno un'ora in acqua, le dosi saranno le vostre....

lunedì 20 maggio 2019

Carote !

                             










 







Tristi periodi di dieta, poca cucina, pochi amici a cena, attacchi di fame distruttivi poi si ricomincia ...  Le carote con questi bei colori danno allegria... e nessuno mi dica che le carote non sono la verdura più indicata per la dieta !!! Lo so.

Tanti anni fa, quando facevo l'orto avevo preso i semi di queste carote variopinte in Inghilterra da Thomson & Morgan, avete mai visto il loro catalogo ? Tutte le varietà del mondo ! Un'infinità di semi sia di verdure che di fiori....



lunedì 13 maggio 2019

Piselli duchessa



Come le patate duchessa ma a base di piselli....


Ingredienti

piselli freschi
cipolla
parmigiano
noce moscata
olio, sale e pepe
uova
pomarola


Preparazione

Insaporire un po' d'olio con la cipolla e poi cuocervi i piselli, salare. Se occorre aggiungere un po' di acqua per finire la cottura. Far raffreddare.
Frullare i piselli e aggiungere un po' di parmigiano grattugiato, un pizzico di noce moscata e di pepe, e un uovo sbattuto. Amalgamare il tutto e metterlo in un sac a poche.
In una teglia ricoperta da carta da forno formare dei ciuffetti che andranno poi cotti in forno caldo a 180° per circa mezz'ora.
Accompagnare con dell'ottima pomarola calda.




lunedì 6 maggio 2019

Pasta rosa

                               

Come si fa a resistere a una pasta di colore rosa, dove tra gli ingredienti c'è scritto "petali di fiori di ciliegie" (oltre che coloranti... ) ?
Non si può resistere. Mi sono ricordata del film "Sogni" di Akira Kurosawa dove c'era un'episodio memorabile con ciliegi in fiore....
Una poesia questi spaghetti giapponesi. Li ho conditi con una salsa a base di rabarbaro e pancetta.
La nota agrumata del rabarbaro rende fresco il piatto, la pancetta dà grinta alla salsa.


Ingredienti

Tagliatelle rosa
rabarbaro 2 gambi
pancetta gr 70
cipolla
piselli
olio, sale e pepe


Preparazione

Pulire i gambi di rabarbaro senza togliere i filamenti esterni rosa. Mi piaceva che il piatto avesse un rosa diffuso, interrotto solo dal verde brillante di qualche pisello.
Tagliare il rabarbaro a quadretti e farlo appassire in olio con pochi fili di cipolla.  Aggiungere sale e pepe.
Aggiungere la pancetta e continuare la cottura ancora per pochi minuti.
A parte cuocere il olio e poca cipolla i piselli.
Bollire la pasta in acqua salata, scolarla e condirla con un filo d'olio.
Servire la pasta con in parte la salsa e il decoro di piselli. Ognuno poi mescolerà gli ingredienti.

                                               

lunedì 29 aprile 2019

Timpano di scammaro 2

                                

Questo piatto della tradizione campana, di fatto è un bel timballo (timpano) di spaghetti,  un piatto di magro (scammaro) ma ben condito con  calamari, vongole, cozze e gamberi.
Si prepara prima e si sforma all'ultimo minuto, comodo e pratico.
Utilizzare un tipo di pasta che regga bene la cottura.


Ingredienti

spaghetti kg 1 
vongole (lupini) kg 1 e mezzo
cozze kg 1 
gamberi 20
calamari kg 1 e mezzo
albumi 2
pomodori 
olio
aglio
origano
carota, cipolla, sedano


Preparazione

Pulire e tagliare a piccoli pezzi i calamari e farli rosolare con un trito di verdure, o con qualche cucchiaio di dado vegetale. Cuocerli per circa un'ora e mezzo aggiungendo se necessario un poco di acqua.
Cuocere la pasta  piuttosto al dente e condirla con i calamari. Lasciar raffreddare.
Rivestire uno stampo piuttosto alto con la carta da forno (bagnata e strizzata).
Sul fondo dello stampo disporre i pomodori tagliati a fette, condire con sale e origano.
Prima di infornare aggiungere alla pasta gli albumi d'uovo sbattuti e mescolare bene.
Cuocere in forno a 180 gradi per 30 minuti.
In olio e con tre spicchi d'aglio far aprire le cozze.
In un'altra pentola sempre con olio e spicchi d'aglio far aprire le vongole.
Mettere da parte i frutti di mare e recuperare il liquido di cottura facendo attenzione a buttare via l'ultima parte che potrebbe contenere impurità.
Unificare il liquido di cottura dei due frutti di mare, metterci sia le vongole che le cozze e scaldare.
Cuocere solo pochi secondi per parte i gamberi e unirli ai frutti di mare.
Sformare il timballo di pasta e versarci sopra i frutti di mare.





lunedì 22 aprile 2019

Bicchierini come piantine

                                

Divertente ! Giardinaggio in cucina.


Ingredienti

cioccolato amaro 70% gr 250
panna gr. 230
nocciole gr 50
zucchero gr 50
burro gr 50
farina gr 50
cacao amaro 3 cucchiai
rametti di menta


Preparazione

Scaldare la panna e scioglierci dentro il cioccolato, mescolare fino a ad avere una crema morbida e lucida.
Tritare a farina le nocciole, poi mescolare (poco) con tutti gli altri ingredienti del crumble,  stendere l'impasto su una teglia e cuocere in forno a 150° per 35 minuti.
Mettere la ganache di cioccolato sul fondo dei bicchierini e far freddare. Non mettere i bicchierini in frigorifero perchè la ganache tenderebbe a solidificarsi troppo.
Spezzettare il crumble di cacao sopra la ganache come se fosse "terra".
Decorare con un rametto di menta infilato dentro i vasetti.


lunedì 15 aprile 2019

Segnaposto tavola di Pasqua


 Ho fatto delle mezze uova di cartapesta rivestendo  dei palloncini gonfiati con strati di carta da cucina bianca stracciata e applicata con la colla vinavil appena diluita. Serviranno circa 5-6 strati.
Una volta asciugato il tutto si rompe e si toglie il palloncino e poi si taglia il bordo con delle punte come un uovo che si sia appena schiuso.
Per dare stabilità all'uovo ho arrotolato delle pagine dei quotidiani e le ho intrecciate in piccoli cerchi che poi  ho dipinto di bianco.
All'interno ho messo una piantina  di alisso, una pianta perenne che messa poi anche solo nel bordo di un  altro vaso rifiorirà anno dopo anno.


                                

                                

lunedì 8 aprile 2019

Pasqua





Qualche idea per Pasqua. 
L'agnello che accompagna il prosciutto è fatto con la ricetta della pizza al formaggio marchigiana tipica di Pasqua.
Ovetti di quaglia con il ripieno fatto con il rosso dell'uovo tritato con capperi e tonno.
Crema di piselli con decori pasquali fatti utilizzando le formine tagliabiscotti e parmigiano (scaldare bene una padella, metterci la formina e all'interno qualche cucchiaino di parmigiano, quando incomincia a fondere togliere dal fuoco, aspettare che si freddi un po' e poi prendere il parmigiano con una spatola).
Ovetti Kinder con crema pasticciera, lamponi e kiwi.


lunedì 1 aprile 2019

Parigi

Sono appena tornata e questa volta mi sono concessa tante cose... tipo andare da Pierre Hermè; in passato la coda che c'era sul marciapiede mi aveva fatto desistere....
Il suo uovo di Pasqua quest'anno è per metà argentato e quella parte si alza e si apre ad un altro uovo più piccolo all'interno, come una matrioska.
Una ricchezza di macarons ... ma anche macarons grandi, come l'Ispahan, con all'interno lychees, lamponi e rosa... delizioso il rimando all'Iran con quel gusto di rosa.

                                                  

                                       

Da Michalak, nel Marais, abbiamo preso un vasetto da asporto che abbiamo gustato sulle panchine della piazzetta lì vicina.

                                                

Da Jacques Genin, in Rue du Bac,  ho preso delle gelatine di frutta da regalare, stupende nella loro scatoletta di latta.  Mi sono innamorata  delle uova (guscio vero) riempite di ganache di cioccolato e granella di nocciole.

                                          

Sempre in Rue du Bac c'è Conticini con la Patisserie des Revês. Un Paris Brest era doveroso, peccato la Saint Honorè non la facciano sempre ....

                                           

In Rue du Bac c'è anche Angelina ma una cioccolata calda era troppo .....

Nel Marais ho trovato un negozio tutto di éclairs... difficile scegliere ! L'éclaire de Gènie di Christoph Adam.

                                          

                                         

Sempre nel Marais mi ha stupito Le Comptoire des poivres, un negozio pieno di pepe proveniente da tutte la parti del mondo e con tanti altri prodotti giapponesi.

                                          

                                           

E poi i negozi di casalinghi... che spettacolo ! Tutte cose interessantissime !

                                           

                                          

                                          

                                                  

                                                  
A volte anche no.

                                         

Dei  musei che abbiamo visitato cito solo la Fondazione Louis Vuitton nel parco del bois de Boulogne, una grande nave a vele spiegate ad opera di Frank Gerhy, che ospita fino a giugno la Collezione  Courtauld proveniente da Londra: impressionisti, impressionisti e impressionisti !

                                          

                                           

Quello che mi aveva portato a Parigi era la mostra del fotografo Sebastião Salgado al museo de l'Homme. Mostra fatta per i 70 anni della carta universale dei diritti dell'uomo. Una mostra troppo piccola per le mie aspettative.... C'è un film su Salgado, fatto da Win Wenders, "Il sale della terra", bellissimo !

                                      
                                         (donna indiana che scava terra per la costruzione dei canali)

                                      
                                                        (profughi vietnamiti in Francia)




lunedì 25 marzo 2019

Nostalgia di cassata

                               

Un piccolo dolce ma con sapori che mi ricordano la Sicilia.


Ingredienti

per la dacquoise:
amaretti tritati gr 100
farina di mandorle gr 100
zucchero a velo gr  200
albumi gr 200

zucchero
ricotta
buccia grattugiata di limone
dadolata di arancia candita
elisir di uva zibibbo o miele


Preparazione

Montate gli albumi e unirvi, un po' alla volta, tutti gli ingredienti. 
In una teglia rettangolare grande mettere la carta da forno e ungerla con del burro, versarvi il composto e cuocere in forno caldo a 170° per 20 minuti circa.
Sfornare e far raffreddare. Tagliare col coppapasta le basi della torta della misura desiderata.
Se le basi non si utilizzano tutte si possono avvolgerle nella pellicola e congelare singolarmente.
Anche gli avanzi si possono congelare per usarli poi a pezzetti come base nei bicchierini di crema, o comunque per coppette di dolci al cucchiaio.

Mescolare la ricotta con lo zucchero e la buccia grattugiata di limone.
Disporre la crema sulla base, spalmare e ricoprire con una dadolata di arancia candita. Cospargere infine con dell'elisir di uva zibibbo o del miele.



lunedì 18 marzo 2019

Sformatini light di fagiolini


In questo periodo cerco di rendere i piatti più leggeri e di non abbondare con i latticini. In questi sformatini ho sostituito la ricotta con il tofu.


Ingredienti
per 6 sformatini

Fagiolini 500 gr
tofu 130 gr
parmigiano 3 cucchiai
pangrattato
sale
uova 2

Per la salsa

latte di riso 100 gr
provola affumicata 30 gr
olio
sale


Preparazione

Bollire i fagiolini e tritarli grossolanamente  (non a purè). Aggiungere le uova sbattute, il tofu, il parmigiano, il sale e amalgamare bene.
Ungere degli stampini da muffin e passare il pangrattato,  versare il comporto e riempire per tre quarti e far cuocere per 40 minuti circa, a 180 gradi.
Per la salsa di accompagnamento tagliare a piccoli pezzetti la provola affumicata e farla sciogliere cuocendola nel latte di riso, aggiungendo un po' di olio, sale e anche qualche cucchiaio d'acqua se serve.
Aspettare 10-15 minuti dopo aver tolto gli sformatini  dal forno e poi capovolgerli sul piatto ... se troppo caldi possono non riuscire compatti.... come è successo a me.




lunedì 11 marzo 2019

Caramello salato leggermente più leggero

                                 

Alleggerire, alleggerire è il mio motto ultimamente. Non che questo caramello sia poi così leggero ma la sostituzione della panna con del latte di riso dà un po' più di leggerezza ed  è ininfluente sul sapore e sulla texture.
In piccole coppette, servito con piccoli frollini e accompagnato da belle fragole è delizioso.


Ingredienti

Zucchero gr 100
latte di riso gr 100
burro gr 90
sale gr 2


Preparazione

Scaldare il latte di riso.
Tagliare il burro a pezzetti.
Pesare il sale.
Far caramellare (ben dorato) lo zucchero senza aggiunta di acqua, senza mescolare ma muovendo un po' il pentolino per farlo sciogliere tutto.
Sempre sul fuoco aggiungere il latte di riso ben caldo (il pentolino deve essere un po' alto perchè con questa operazione schiuma...), mescolare  fino a quando non sarà un composto omogeneo.
Togliere dal fuoco e aggiungere il burro e il sale e mescolare bene.



lunedì 4 marzo 2019

Crema di pollo con olio al rosmarino

                                

Un piccolo antipasto leggero, saporito, fa parte della mia ricerca di antipasti senza glutine e latticini....


Ingredienti

pollo a fette
rosmarino
olio
latte di riso
sale e pepe


Preparazione

Tritare gli aghi del rosmarino sottili sottili in modo da averne poi due cucchiai. Io ho passato gli aghi del rosmarino nella centrifuga, non ho ottenuto nemmeno una goccia di succo ma il residuo tritato era proprio giusto da mettere nell'olio.
Coprire il trito di rosmarino con dell'olio e lasciarlo in infusione per almeno mezza giornata.

Grigliare il pollo, tritarlo poi finemente e aggiungere un poco di latte di riso in modo da ottenere una crema densa come uno yogurt. Salare e mettere nelle coppette.

Filtrare l'olio, aggiungervi una dose abbondante di pepe e disporre sopra alla crema di pollo.


lunedì 25 febbraio 2019

Ravioli ripieni di acqua di vongole

                                

Un piatto divertente. I ravioli si aprono in bocca con il loro contenuto di liquido di base della cottura delle vongole. Sono adagiati su una crema di piselli e una bisque di gamberi, insieme a qualche vongole e dei gamberi appena scottati, il tutto condito con qualche goccia di emulsione di zenzero.
La sorpresa del ripieno liquido del raviolo è dovuta all'uso dell'agar agar come addensante che permette di avere una gelatina una volta fredda e che torna poi liquida con il calore.
Per saperne di più sull'agar agar vedere qui.

La prossima volta presenterò questi ravioli senza i molti ingredienti che ho messo. Si potranno servire semplicemente con un filo di olio allo zenzero e due gamberi perchè penso che così si valorizzi di più la degustazione del raviolo.


Ingredienti
per 5 persone

Gamberi rossi 5 a persona
vongole 1 kg
farina 0 gr 110
semola di grano duro gr 90
uova 2
piselli
cipolla
pomodori maturi 3
vino bianco
aglio 2 spicchi
agar agar gr 2
peperoncino
olio e sale


Preparazione

Lavare  le vongole, lasciarle a bagno in acqua fredda salata per circa mezz'ora per far loro perdere l'eventuale sabbia al loro interno.
Insaporire un po' d'olio in una padella larga con l'aglio. Mettere le vongole e farle aprire coperte. Quando saranno aperte aggiungere un bicchiere di vino bianco e lasciar evaporare per qualche minuto.
Togliere le vongole e mettere il liquido di cottura in un bicchiere a decantare. Dopo qualche ora travasare il liquido facendo attenzione a non unire l'ultima parte che potrebbe avere un po' di sabbia.
Portare a bollore il liquido delle vongole (gr 200) con l'agar agar, far raffreddare e poi distribuirlo negli stampi di silicone a forma di semisfera da cm 2.
Raffreddare in frigorifero e poi congelare.
Togliere le vongole dai gusci e tenere da parte con un poco del loro liquido.
Questa parte l'ho fatta il giorno prima.

Mescolare le due farine, aggiungere le uova e impastare bene. Lasciar riposare almeno mezz'ora.
Stendere la pasta e disporre sopra le semisfere congelate e ricoprire con altra sfoglia. Con i taglia biscotti rotondi di cm 2 ho premuto (con la parte rotonda e non dalla parte tagliente) intorno alla pasta sulla semisfera in modo da togliere l'aria e iniziare a chiudere. Con un tagliabiscotti più grande ritagliare intorno alla sfera. Con i rebbi di una forchetta assicurarsi che tutto intorno alla semisfera la pasta sia ben sigillata.
Mettere subito i ravioli in freezer.

Cuocere i piselli con poca cipolla e un po' di olio, aggiungendo quando serve un po' d'acqua. Salare e frullare portandoli a crema.

Pulire i gamberi togliendo loro la testa e il carapace.  Tenere da parte le code del gambero ben pulite e alle quali si sarà tolto il filetto interno.
In poca cipolla e olio far rosolare le teste (alle quali andranno tolti gli occhi perchè amari)  e il carapace, poi aggiungere i pomodori tagliati a pezzetti. Cuocere coperti per circa mezz'ora.
Frullare e passare al setaccio. Salare e aggiungere una punta di crema o polvere peperoncino.

Centrifugare due piccoli pezzi di zenzero puliti, mescolare due cucchiai di succo di zenzero con due cucchiai di acqua e due cucchiai di olio e un pizzico di sale. Mescolare energicamente prima di mettere sui piatti.

Cuocere i ravioli appena tolti dal freezer per due o tre minuti a fuoco basso.
In un tegame scaldare le vongole con poco del loro liquido e un po' di olio, poi scolare i ravioli e passarli insieme alle vongole.

In un'altra padella scottare un attimo da tutte e due le parti i gamberi.

In un piatto piano disporre una mezzaluna di crema di piselli e dall'altra parte qualche cucchiaio di bisque di gamberi. Metterci sopra i ravioli, i gamberi, qualche vongola qua e là, e mettere intorno una spruzzata di emulsione di zenzero.

                                  


lunedì 11 febbraio 2019

Sono al mare

                                    

                                    

                                    

                                    

                                    

                                    

Maayafushi - Maldive. 
E' una droga, abbiamo una dipendenza, non ne possiamo fare a meno.... Una pigra come me riesce a nuotare per 3-4 ore al giorno per andare alla scoperta di qualche pesce sconosciuto o  per farmi continuamente stupire dal quel paradiso in acqua. 



Related Posts with Thumbnails