venerdì 27 agosto 2010

Scampi alla buzara

Martingana è una località di Pantelleria dove si va quando il maestrale impedisce di fare il bagno in qualsiasi altra cala. Il vento fuori infuria, il mare può essere agitatissimo ma lì c'è mare calmo, discesa a mare facile, assenza di vento.... Martingana accoglie come poche calette sanno fare.
Alle spalle del piccolo borgo ci sono i vitigni di vino zibibbo coltivati eroicamente (per la difficoltà della posizione) dai quali si produce vino passito.
Salvatore Murana produce a Pantelleria un passito che si chiama "Martingana". E' un passito molto buono, molto caro, molto ricercato.....



Scampi alla buzara

Un evergreen tra le ricette di pesce.

Ogni volta che cucino del bel pesce mi chiedo ... quando mai diventerò vegetariana. Troppo buono, troppo appagante….per rinunciarvi.

E va be’, vedremo, oggi ancora scampi , e che scampi !


Ingredienti

Scampi 12

Aglio 3 spicchi

Vino bianco 1 bicchiere

Pangratto 2 cucchiai

Sale, pepe, peperoncino

Olio 1 bicchiere scarso


Preparazione

In un tegame rosolare gli spicchi d’aglio nell’olio, senza farli dorare.

Togliere gli spicchi di aglio e mettere gli scampi.

Aggiungere il pangrattato e rosolare per 10 minuti.

Aggiungere sale, pepe, peperoncino e il bicchiere di vino bianco.

Quando bollono mettere al minimo, coprire e cuocere ancora per 10 minuti.




18 commenti:

  1. eh che scampi! hai ragione con un piatto così ricco farei carte false.tutto il sapore del mediterraneo in bocca!ciao cara buonn week

    RispondiElimina
  2. Qualche volta passa per la mente anche a me di diventare vegetarina ma poi vedo queste meraviglie di ricette e mi pento anche solo di averlo pensato!!!Bellissima Martingana, un grande abbraccio e un buon w.e.carissima

    RispondiElimina
  3. Che posto bellissimo!e gli scampi devono essere eccezionali. Complimenti per le foto, davvero belle!
    Ciao!

    RispondiElimina
  4. mi sorprende trovare a Pantelleria una ricetta tipica(nome compreso) della tradizione Istriano/Dalmata,Pantelleria è una delle mete dei miei sogni, che sia la volta buona per venire a controllare di persona ed assaggiare questo piatto? Buon we!

    RispondiElimina
  5. Ross????Cara non ci pensare neanche!!!Vegetariana???E poi???No no,anch'io dovrei rinunciare a queste ricette favolose,sempre ricercate nella loro semplicità!!Vuoi essere davvero così egoista???Scampi in purezza ,in tutto il loro profumo...che delizia!!E deliziosi sono i luoghi che ci mostri,una tentazione troppo forte!!!Un goccino di zibibbo,un paesaggio così,due scampetti divorati così con le dita e che ..vuoi di più????Un bacio grande e un abbraccio forte,da parecchio non ci sentiamo e perciò un benritrovata forte forte!

    RispondiElimina
  6. ciao Rossella! finalmente ho la connessione e posso riprendere in mano il mondo culinario digitale che amo. x ora ho la lindea ma non la cucina, ho appena traslocato. subito dopo aver lasciato l'isola son piombata in questa transizione che mi lascerà una settimana senza fuochi. e quando li avrò di nuovo sarà tempo di qualche cenetta pantesca promessa a vari amici e credo proprio che questa ricetta farà al caso mio. il dettaglio della mollica mi piace molto e non l'ho mai provato col pesce a parte la frittura col pan grattato insomma. guardo le foto e sogno. buon sabato pantesco!

    RispondiElimina
  7. Quando arrivo al tuo blog...ho un sogno ! :)

    RispondiElimina
  8. @ no, no ! Non è una ricetta pantesca ! E' una ricetta, come dice Chiara, di tradizione istriano-dalmata ...solo che è acquisita nelle mie ricette e mi capita di farla ogni tanto.... anche a Pantelleria !! un caro saluto !!

    RispondiElimina
  9. ah capisco! e cos' "alla buzara"? comunque mi piace tanto ugualmente. e a proposito...io sono vegetariana a metà. non mangio carne di animali a 4 e 2 zampe, ma al pesce non rinuncio. e infatti non sono vegetaliana ma vegetariana. lo sono da 20 anni...praticamente appena i miei genitori se ne sono andati a vivere a roma, io ho tagliato con una carne che non mi piaceva proprio! ma al pesce non rinuncio! ;-)

    RispondiElimina
  10. Sono triestina (anche se ora "esiliata" in Friuli :-( ) e questi scampi li mangiavo spesso nelle mie scorribande oltreconfine, che nostalgia.....voglio venire via con te :-)

    RispondiElimina
  11. Ciao,come stai nella tua bellissima isola???Le foto parlano di un paradiso della natura,di colori e di sapori unici come i tuoi scampi...immagino il loro gusto e la loro freschezza.un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  12. Foto e ricetta...... fa vo lo seeeeeeee
    complimenti...
    un bacio Enza

    RispondiElimina
  13. volevo ringraziarti della tua visita e così son venuta a ricambiare e cosa ti trovo? Gli scampi alla buzara, che qui a Venezia diventa "Busara". La Serenissima oltre ad avere dominio sociale fin in terra Dalmata, si è portata a casa qualche ricetta ;-)
    Sono buonissimi sia da soli sia con la pasta lunga.
    Complimenti per le foto.
    A risentirci presto

    RispondiElimina
  14. Che bellissime foto e che buonissimi scampi!!!
    Ciao, buona serata e... grazie della visita!

    RispondiElimina
  15. Ho l'acquolina in bocca all vista di questi scampi meravigliosi. Le foto sono stupende. Ciao e complimenti Simona

    RispondiElimina
  16. Ciao Rossella; sono approdata qui oggi per la prima volta sul tuo blog; molto carino; belle le foto e ancor di più le ricette! Questi scampi poi sono la fine del mondo; una cottura semplice che mantiene tutto il loro sapore. Brava!

    RispondiElimina
  17. ...e che scampi!!!! immagino buonissimi, dopo un bagno nella dolce caletta di Martingana
    tutte le tue foto e le tue preparazioni fanno venire l'appetito.... anche se si è appena finito di mangiare
    bye bye, Rossella

    RispondiElimina
  18. che magnifica immagine di pantelleria, i scampi vanno fatti cosi semplicemente

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails