lunedì 1 aprile 2019

Parigi

Sono appena tornata e questa volta mi sono concessa tante cose... tipo andare da Pierre Hermè; in passato la coda che c'era sul marciapiede mi aveva fatto desistere....
Il suo uovo di Pasqua quest'anno è per metà argentato e quella parte si alza e si apre ad un altro uovo più piccolo all'interno, come una matrioska.
Una ricchezza di macarons ... ma anche macarons grandi, come l'Ispahan, con all'interno lychees, lamponi e rosa... delizioso il rimando all'Iran con quel gusto di rosa.

                                                  

                                       

Da Michalak, nel Marais, abbiamo preso un vasetto da asporto che abbiamo gustato sulle panchine della piazzetta lì vicina.

                                                

Da Jacques Genin, in Rue du Bac,  ho preso delle gelatine di frutta da regalare, stupende nella loro scatoletta di latta.  Mi sono innamorata  delle uova (guscio vero) riempite di ganache di cioccolato e granella di nocciole.

                                          

Sempre in Rue du Bac c'è Conticini con la Patisserie des Revês. Un Paris Brest era doveroso, peccato la Saint Honorè non la facciano sempre ....

                                           

In Rue du Bac c'è anche Angelina ma una cioccolata calda era troppo .....

Nel Marais ho trovato un negozio tutto di éclairs... difficile scegliere ! L'éclaire de Gènie di Christoph Adam.

                                          

                                         

Sempre nel Marais mi ha stupito Le Comptoire des poivres, un negozio pieno di pepe proveniente da tutte la parti del mondo e con tanti altri prodotti giapponesi.

                                          

                                           

E poi i negozi di casalinghi... che spettacolo ! Tutte cose interessantissime !

                                           

                                          

                                          

                                                  

                                                  
A volte anche no.

                                         

Dei  musei che abbiamo visitato cito solo la Fondazione Louis Vuitton nel parco del bois de Boulogne, una grande nave a vele spiegate ad opera di Frank Gerhy, che ospita fino a giugno la Collezione  Courtauld proveniente da Londra: impressionisti, impressionisti e impressionisti !

                                          

                                           

Quello che mi aveva portato a Parigi era la mostra del fotografo Sebastião Salgado al museo de l'Homme. Mostra fatta per i 70 anni della carta universale dei diritti dell'uomo. Una mostra troppo piccola per le mie aspettative.... C'è un film su Salgado, fatto da Win Wenders, "Il sale della terra", bellissimo !

                                      
                                         (donna indiana che scava terra per la costruzione dei canali)

                                      
                                                        (profughi vietnamiti in Francia)




5 commenti:

  1. che meraviglia!!
    buona settimana

    RispondiElimina
  2. Beata te che invidia sono tutti indirizzi che conosco ma che da troppo tempo mi mancano

    RispondiElimina
  3. Ma che reportage interessante ma soprattutto goloso! Un bacio

    RispondiElimina
  4. Cosa mi ero persa! Ti immagini noi due ad entrare ed uscire dai negozi di casalinghi? Poveri mariti!!!!

    RispondiElimina
  5. Che reportage stupendo! grazie per aver condiviso con noi le immagini ma anche le emozioni. Un abbraccio

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails